CONSIGLI E GUIDE, GESTIONE DEL TEMPO, ORGANIZZAZIONE, PRODUTTIVITA'

COME USARE LE TO DO LIST …non puoi vivere senza!

Durata 6.57 min

Creare una lista di cose da fare è più importante che seguire una lista di cose da fare

 

“Non ci vuole molta forza per fare le cose, ma ci vuole una grande forza per decidere cosa fare” (Elbert Hubbard).

Tutte noi occasionalmente arriviamo al punto di avere una quantità immensa di cose da fare e da finire…

in una settimana o due.

Indipendentemente dal fatto che si siano accumulate a furia di rimandare o che sia davvero una settimana intensa, può capitare di sentirci sopraffatte dai compiti che ci sono stati assegnati o da quelli che ci siamo date noi stesse.

Uso spesso le liste di cose da fare perché voglio …fare le cose, cioè completarle per bene.

Tuttavia, le mie liste possono essere piuttosto brevi e avere attività che richiedono solo pochi istanti del mio tempo.

Credo che la CREARE la  lista sia più importante di per sè

Voglio dire che il momento in cui ti siedi e pensi alle cose da fare è già un momento organizzativo fondamentale.

Se ti piace questo articolo potrebbe interessarti anche COME STABILIRE E RAGGIUNGERE I PROPRI OBIETTIVI

Scrivere le attività ti fa prende coscienza delle cose nell’elenco


Il semplice atto di scrivere e fare la lista delle cose da fare è più importante di qualsiasi altra parte perché capisci e riconosci che ci sono delle cose che devono essere fatte.

Annota ogni compito che ti viene in mente, metti insieme nel tempo le altre cose che ti vengono in mente finché non riuscirai a  vedere visivamente tutto ciò che deve essere fatto.

Potresti anche non aver bisogno di guardare la lista in seguito perché scrivere lo ha rafforzato nella tua memoria.

Oppure potresti avere già creato un piano d’azione nel mentre che scrivevi tutte i compiti vicini .

Scrivere le attività è praticamente la prima azione che intraprendi per sbarazzarti di un elemento della tua lista.

Tutti dicono che la parte più difficile nel fare qualcosa è iniziare.

Se le cose da fare sono semplici o difficili, riconoscerle e accettarle è sicuramente l’inizio.

Annotare questi elementi in una lista di cose da fare trasferisce lo spazio che occupa nella tua memoria sparsa in qua e in là nella tua mente, su carta o sul telefono e rende gli oggetti indimenticabili e praticamente indistruttibili.

Anche se non la riguarderai poiché non ti sarà necessario, la comodità di avere la lista scritta dà al tuo cervello una pausa dallo stress di cercare di assicurarti di ricordarti tutto.

Le liste riducono l’ansia


Ti potrebbe sembrare ovvio, ma il fatto stesso di avere fatto una lista è come se tu avessi messo tutte le informazioni in uno spazio sempre raggiungibile..

ma fuori di te.

È sempre raggiungibile e

il più delle volte non ti servirà più.

Le liste scritte fisicamente trasportano le attività dalla mondo delle idee al mondo reale.

Questo rende la cosa da fare già pronta per essere effettivamente realizzata .

Ho notato che il fattore ansia nelle liste è dato dal giudizio basso prima che la lista sia fatta.

Nella tua testa, tutto ciò che ti viene in mente nello stesso momento sembra molto

Perchè?

Perché le tua mente sta cercando di organizzare ciò che deve essere fatto e nel contempo si sforza di non dimenticare l’ultimo elemento che hai appena inserito nella lista.

E allora…

se la scrivi ti fa sembrare la lista molto più piccola di quanto hai immaginato inizialmente

Questo ti dà più fiducia e così ti verrà di guardare il tuo elenco di cose da fare solo se ti sei davvero dimenticata qualcosa.

Per questo motivo, a volte creo elenchi solo quando non ho altri impegni  e così , nella calma, ne vedo il vantaggio.

Per esempio la faccio quando aspetto il treno.

Apro il blocco note sul mio telefono e creo una nuova nota :

“Elenco cose da fare”

Inizio a scrivere tutte le cose che voglio fare prima o poi.

Anche se non ho effettivamente bisogno di questa lista, mi serve rinfrescare e ricordare a me stessa tutte le cose che voglio fare e soprattutto le cose che ho piacere di fare.

Se ti piace questo articolo potrebbe interessarti anche COME STABILIRE E RAGGIUNGERE I PROPRI OBIETTIVI Scopri i taccuini pronti per le tue to do list qui!

Le liste ti danno le priorità


Ho già detto che tutto quello che creo nella lista libererà spazio nella mia mente per altre informazioni

e questo calma la mente.

Guardare la lista scritta ti dà subito un’idea delle cose problematiche o urgenti  e dei tempi necessari per farle.

Puoi vedere cosa può e cosa non può essere fatto in sequenza

se sono cose che devi acquistare

 e che si trovano nello stesso negozio

oppure renderti conto che due cose possono essere combinate in una sola.

Quando crei la lista, questi elementi diventano più visibili

e sarai più in grado di sistemarli nel modo più efficiente o comodo.

Tutte queste liste sono linee guida.

Informazioni a cui non è nemmeno necessario accedere dopo averle scritte.

 Come ?

Dopo aver finito di compilare la tua lista, guardala e leggila.

Sarà sufficiente per avere un’idea di come i tuoi compiti andranno portati avanti e da dove devi iniziare.

Se ti trovi ad utilizzare le liste spesso , potrai organizzare dall’alto verso il basso le priorità, rendendo più facile seguire o anche prestare attenzione all’ elemento più in alto e eliminarlo non appena compiuto.

Lo trovo particolarmente utile per le scadenza, assicurandomi di fare prima ciò che ha la precedenza

Solo dopo le attività che seguono nell’elenco per completarle tutte con il tempo minimo consentito.


Riguarda la tua lista e riprendila in mano quando ne hai bisogno .

Tuttavia, come ti dicevo, già “fare”  la lista e vederla fisicamente su un pezzo di carta o su un telefono è molto più importante di fatto di leggerla a più riprese.

La lista è uno strumento potente, e a volte avere lo strumento è sufficiente per dare la certezza di realizzare ciò che deve essere fatto.

Se ti piace questo articolo potrebbe interessarti anche COME STABILIRE E RAGGIUNGERE I PROPRI OBIETTIVI Scopri i taccuini pronti per le tue to do list qui!

Ti potrebbe piacere anche

Cosa ne pensi?